Maggiorana

Maggiorana

La maggiorana è un’erba aromatica appartenente alla famiglia delle Lamiaceae (Labiatae, nom cons.). Il suo nome scientifico è Origanum Majorana ed è nativa di tutto il bacino del Mediterraneo. La pianta di maggiorana era nota già ai tempi degli antichi Greci e Romani per i suoi numerosi effetti benefici e veniva aggiunta come afrodisiaco al vino rosso.

novità

Con i nuovi prodotti The Semidry Garden puoi gustare la freschezza dell’aneto come appena colto quando vuoi, come vuoi…

Peculiarità della maggiorana

La maggiorana è una pianta perenne nel suo areale di origine, mentre nelle regioni più fredde è annuale. La pianta cresce fino a 50 cm di altezza ed è composta da foglie aromatiche di colore grigio. Nel periodo estivo fiorisce con fiori bianchi, rosa e lavanda. La maggiorana è ricca di olio essenziale, di tannini e di sostanze amare.

Varietà di maggiorana

Le varietà di maggiorana sono riconducibili al Paese di provenienza delle sementi. Le varietà Uszodi e Francia provengono dall’Ungheria: la prima produce prevalentemente steli a fiore, mentre la seconda ha un’attitudine particolare alla produzione di foglie. La Marcelka proviene dalla Repubblica Ceca e Slovacchia e  la Mirasch dalla Polonia.

Dove viene coltivata la maggiorana

La maggiorana necessita di sole e di caldo. È un’erba aromatica che si adatta tranquillamente a qualunque tipo di terreno anche se preferisce quelli a reazione alcalina , permeabili e asciutti e con una buona dose di sostanza organica. D’inverno l’associazione di un terreno umido con temperature troppo basse può essere nociva per la pianta.

Come coltivare maggiorana

La semina delle piante di maggiorana avviene in primavera all’aperto o a fine inverno facendo germinare i semi al chiuso. Considerando le piccole dimensioni del seme, è consigliabile la semina in vasetti in coltura protetta, da trapiantare in seguito. I semi devono essere interrati e ricoperti da un sottile strato di terra, mentre le plantule disposte in numero di 2-3 per una superficie di 25 cm.

La raccolta dela maggiorana

Il raccolto si svolge in estate, ovvero nel periodo della fioritura della maggiorana. Quando i fiori dischiudono, bisogna tagliare le sommità e farle essiccare all’ombra in un luogo asciutto e ventilato. La pianta non dev’essere tagliata troppo in basso in quanto questo potrebbe compromettere la sua capacità di rigettare.

Lo sapevi che…

Si narra che la dea dell’amore Afrodite fu la prima a coltivare la maggiorana conferendole il suo aroma tipico. Per questa ragione, le ragazze greche avevano l’usanza di mettere un rametto di maggiorana sotto al cuscino, pratica che le avrebbe permesso di conoscere in sogno il loro futuro sposo.

Usi della maggiorana

In cucina

L’aroma tipico della maggiorana è molto adatto a profumare le zuppepatate e piatti di carne. E molto diffusa anche come insaporitore di pizze e dell’impasto delle salsicce.

Le proprietà medicinali della maggiorana

Sin dall’antichità la maggiorana è nota per le sue proprietà disinfettanti e gli effetti benefici sul corpo umano derivati dall’assunzione. L’erba aromatica contiene sostanze che favoriscono la digestione e alleggeriscono i cibi grassi.  Il tè alla maggiorana è utile per tonificare i nervi e lo stomaco, funziona da stimolo per l’appetito e può aiutare in caso di crampi.

Impieghi ornamentali

La maggiorana come pianta annuale cresce nei vasi e sui balconi e dona un gradevole profumo ai potpourri secchi.

Passaparola...Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone